Le differenze tra l’inglese britannico e l’inglese americano: le conosci tutte?

Indice dei contenuti

Indice dei contenuti

Immagina questo scenario:

Ti trovi nel cuore pulsante di New York, avvolto da un mare di taxi gialli e maestosi grattacieli che svettano verso il cielo…

Sei convinto di padroneggiare l’inglese dopo mesi di pratica assidua…

Ma all’improvviso, non appena le parole di un madrelingua del posto raggiungono le tue orecchie, un pensiero fulmineo ti attraversa la mente:

Un attimo, ma… è forse una lingua sconosciuta quella che sto ascoltando?

Ecco la sensazione che si prova nell’udire per la prima volta un autentico madrelingua US…

Vedi, nonostante l’inglese sia la lingua madre sia degli Stati Uniti che del Regno Unito, esistono numerose differenze tra le varianti britannica e americana…

Che, beh, possono portare a divertenti gaffe evitabili con un pizzico di pratica!

In questo articolo, ci imbarchiamo in un affascinante viaggio attraverso il mondo dell’inglese britannico e americano…

Esplorando tutte le sfumature che rendono queste due varianti di lingua, così deliziose e uniche (seppur simili!).

Quindi…

Preparati una fumante tazza di caffè (o una raffinata tazza di tè, se ti senti particolarmente british) e parti con me per questa divertente avventura…

Innanzitutto, parliamo della differenza più evidente tra l’inglese britannico e quello americano: gli accenti.

Nel momento in cui un madrelingua inglese inizia a parlare, solitamente si intuisce facilmente se proviene dalla terra della libertà…

O se dalla patria del tè e della regina.

L’inglese britannico è caratterizzato da un suono raffinato ed elegante, con un tono leggermente più alto.

Al contrario, l’inglese americano ha un’atmosfera più rilassata e strascicata…

Con vocali appiattite e una cadenza nasale che ti farà sentire come se stessi ascoltando un cowboy appena uscito da un ranch!

Facciamo qualche esempio:

Nell’inglese britannico, ad esempio…

Il suono “r” spesso scompare quando si trova alla fine di una parola.

“Car” diventa “cah” e “park” si trasforma in “pahk”.

Mentre nell’inglese americano la “r” diventa la protagonista! 

E si fa sentire sempre, indipendentemente dalla sua posizione.

Continuiamo…

La lettera “a” in inglese britannico viene spesso pronunciata in modo più aperto e prolungato, con un suono simile ad “ah” in italiano.

Ad esempio, in parole come “bath” (bagno) o “can’t” (non posso), la “a” viene pronunciata come se si dicesse “bahth” o “cahn’t”.

Capito cosa intendo?

Mentre in inglese americano la prima lettera dell’alfabeto viene pronunciata in modo più breve e chiuso…

Con un suono più simile alla “a” italiana, come in “gatto” o “mano”.

Discorso analogo per la lettera T…

In inglese americano, quando il suono “t” si trova nel mezzo di una parola, spesso viene pronunciato in modo più rilassato, quasi come se fosse una rapida “d”.

Ad esempio, la parola “water” (acqua) può suonare più come “wader”…

e “better” (migliore) può assomigliare a “bedder”.

In inglese britannico, invece, il suono “t” viene solitamente pronunciato in modo più netto e preciso, indipendentemente dalla sua posizione nella parola…

Quindi, “water” e “better” manterrebbero un chiaro suono “t” come in italiano.

Queste differenze di accento possono portare a fraintendimenti piuttosto divertenti, se ci pensi…

Ad esempio, un americano che chiede un bicchiere d’acqua (“water”) in un ristorante britannico, potrebbe ricevere uno sguardo perplesso dal cameriere…

Poiché la pronuncia americana della parola “water” può suonare bizzarra per un orecchio british!

Bene, continuiamo…

Come sai, non sono un grande appassionato di grammatica…

Poiché credo fermamente che sia possibile padroneggiare una lingua attraverso metodi più rapidi e stimolanti…

Tuttavia, analizziamo un po’ le differenze grammaticali tra queste affascinanti varianti!

A tal proposito, nonostante l’inglese britannico e quello americano condividano molte regole grammaticali…

Ci sono alcune sottili differenze che possono mettere in difficoltà anche i più attenti.

Un esempio?

I sostantivi collettivi!

In inglese britannico, i sostantivi collettivi come “team” (squadra), “government” (governo) o “family” (famiglia) possono essere considerati singolari o plurali a seconda del contesto.

Ad esempio, un britannico potrebbe dire:

“The team are playing well” (La squadra stanno giocando bene), utilizzando il verbo al plurale…

Mentre In inglese americano i sostantivi collettivi sono sempre considerati singolari, quindi un americano direbbe:

“The team is playing well” (La squadra sta giocando bene), con il verbo al singolare.

Ma non è finita qui…

Parlando di forme verbali, scopriamo che alcuni verbi hanno forme diverse in inglese britannico e americano.

Ad esempio, il passato del verbo “learn” (imparare) in inglese britannico è “learnt”, mentre in inglese americano si usa più comunemente “learned”.

E una situazione simile si riscontra con le preposizioni, che possono variare tra le due varietà di inglese…

Ad esempio, un britannico potrebbe dire “I’ll write to you” (Ti scriverò), specificando la preposizione “to” (a)…

Mentre un americano direbbe più semplicemente “I’ll write you” (Ti scriverò), omettendo la preposizione!

Come puoi vedere…

È come se la lingua inglese si fosse evoluta in modo leggermente diverso nei due paesi…

Solo per complicarci la vita! Ahahah

Ora che ci siamo divertiti ad esplorare il selvaggio mondo degli accenti e della grammatica nell’inglese britannico e americano…

È il momento di tuffarci nel mondo dell’ortografia!

Sebbene entrambe le varietà di inglese utilizzino lo stesso alfabeto, ci sono alcune differenze piuttosto notevoli nel modo in cui certe parole vengono scritte.

E lasciami dire che queste variazioni possono portare a situazioni decisamente confuse se non le conosci (lo dico per esperienza, come ex professore all’università di Cambridge)…

Quindi, diamo un’occhiata ad alcune delle differenze di ortografia più comuni…

Che ti faranno esclamare “Sorry… What??!!”

Ad esempio…

Nell’inglese britannico spesso si ama aggiungere una “U” alle parole!

Quindi parole come “colore”, “umore”, o “preferito”…

Diventano “colour”, “humour” o “favourite”…

Mentre in inglese americano si preferisce toglierle, mantenendo le cose semplici…

Diventando quindi “color”, “humor” e “favorite”.

In fondo… chi ha bisogno di quella lettera in più?

Lo stesso discorso vale per le lettere “re”…

Alcune parole in inglese britannico amano aggiungerlo, come “centre”, “theatre” e “metre”.

Ma nell’inglese americano…

Viene spesso preferito “er”! Come “center”, “theater” e “meter”.

È come se fossero allergici alle lettere in più, per capirci…

Proprio come l’ortografia, il vocabolario è un altro settore in cui l’inglese britannico e americano amano mescolare le carte…

Alcune parole che sono totalmente normali in un lato del mondo…

Potrebbero far grattare la testa alle persone nell’altro per la confusione…

Prendiamo ad esempio la parola ascensore!

Nell’inglese britannico, se vuoi salire o scendere in un edificio, prenderai il “lift”.

Ma nell’inglese americano, salirai invece sull'”elevator”.

Stessa cosa, nome diverso. Vai a capire!

Lo stesso vale per i dolciumi…

Nel Regno Unito, un “biscuit” è un piccolo dolcetto piatto e dolce che noi italiani amiamo chiamare biscotto…

Stesso dolcetto che però gli americani chiamerebbero “cookie”!

Mentre il “biscuit” americano è in realtà un tipo di pane piccolo e salato che i britannici chiamerebbero “scone”.

Lo so, è come se la lingua inglese ci stesse facendo uno scherzo crudele…

Perdoniamoli!

E se invece avrai freddo nel Regno Unito?

Beh, potresti indossare un accogliente “jumper” (maglione)…

Ma negli Stati Uniti, dovrai invece prendere uno “sweater”.

Dovresti probabilmente fare attenzione a questi dettagli…

Immagina un britannico che entra in una pasticceria americana e chiede un “biscuit”, per essere accolto da un dolce completamente diverso…

Pazzesco, no?

E come se le differenze di ortografia e vocabolario non bastassero…

L’inglese ama mischiare ulteriormente le acque!

Devi infatti sapere che esistono anche parole che si scrivono allo stesso modo ma hanno significati totalmente diversi nell’inglese britannico e americano.

Vuoi un esempio?

“Pants”! In americano intendiamo un bel paio di pantaloni…

Mentre nell’inglese britannico, “pants” si riferisce alla biancheria intima.

Sì, hai letto bene.

Quindi, se un britannico ti fa i complimenti per i tuoi “pants”, forse dovresti scappare…

E così succede anche per…

“Rubber”!

Nell’inglese britannico, una “rubber” è una piccola gomma per cancellare usata per eliminare i segni di matita.

Ma nell’inglese americano, “rubber” è un termine gergale usato per indicare il preservativo.

Puoi immaginare da solo come questo potrebbe portare a situazioni piuttosto imbarazzanti…

Questi omografi dimostrano semplicemente quanto meravigliosamente complessa e diversificata sia la lingua inglese…

Anche quando le parole sembrano esattamente le stesse, i loro significati possono essere lontani anni luce a seconda del contesto culturale!

Ultimo ma non meno importante, parliamo del pazzo mondo dell’espressione dell’ora e delle date in inglese britannico e americano.

Mentre entrambe le varietà usano le stesse unità di base (ore, minuti, giorni, mesi), non riescono proprio a mettersi d’accordo su come esprimerle…

Ecco alcuni esempi che ti faranno dire: “Aspetta, che ore sono di nuovo?”


Formato dell’ora:

Nell’inglese britannico, amano mantenere le cose eleganti con il formato dell’orologio a 24 ore.

Così, le nostre italiane “19:30″…

In inglese britannico significano proprio 19:30.

Ma nell’inglese americano si vive la vita a 12 ore! Con le designazioni “AM” e “PM”.

Quindi 19:30, diventa “7:30 PM”, mentre le nostre 7:30 mattutine, diventerebbero 7:30 AM.

Formato della data:

L’inglese britannico preferisce seguire l’ordine logico “giorno/mese/anno”, come “1 February 2023”.

Mentre in inglese americano…

Seguono la struttura “mese/giorno/anno”, come “February 1, 2023”.

Perché renderlo semplice quando puoi mischiarlo? Me lo chiedo anche io…

Ancora una volta, tutte queste piccole differenze possono sembrare irrisorie…

Ma possono portare a seri malintesi.

Immagina di fissare un importante meeting di lavoro con un collega britannico per l'”1/6/2023″…

Per poi presentarti il 6 gennaio, solo per scoprire che intendevano il 1° giugno!

Un incubo…

Quindi, è super importante essere consapevoli di queste piccole (ma cruciali) differenze, per evitare fraintendimenti e adattarsi facilmente da un lato all’altro del mondo.

Come vedi, è stato davvero un bel viaggio in questa meravigliosa lingua, non trovi?

Ma non deve finire qui…

Se vuoi davvero padroneggiare l’inglese in tutte le sue sfumature e peculiarità, ti invito a provare la sfida più famosa del web…

La nostra “8 Days Challenge” che ha permesso a migliaia di studenti di parlare inglese in soli 8 giorni!

Immagina di poterlo fare in così poco tempo, senza dover passare ore sui libri di grammatica o ripetere a pappagallo frasi senza senso…

Viaggiando ovunque nel mondo senza problemi, impressionando i colleghi di lavoro e facendo nuove amicizie internazionali…

Ecco, grazie al nostro innovativo Metodo Toddler può diventare realtà…

Mettendo alla prova le tue nuove abilità sia con britannici che americani, ovunque tu voglia nel mondo!

Non importa se in passato hai avuto difficoltà con l’inglese a scuola o se hai già provato altri metodi senza successo…

Il nostro approccio ti permetterà di fare progressi straordinari in poco più di una settimana…

Dedicando solo 30 minuti al giorno!

E sono così convinto di queste mie parole…

Che puoi provarlo con una garanzia soddisfatto o rimborsato di ben 6 mesi!

Se ti sei convinto, puoi provare la nostra sfida qui…

Ci vediamo presto!


Fabio

Articolo correlato

10 consigli (facili) per parlare inglese in pochi giorni

Vuoi imparare l’inglese, intrepido viaggiatore?  Se stai leggendo questo articolo, è probabile di sì. E scommetto che vorresti anche farlo in fretta! Beh, sei nel posto giusto.  In questo articolo, esploreremo 10 consigli pratici e semplici che ti aiuteranno ad accelerare il tuo percorso di apprendimento dell’inglese.  Che tu sia

Read More »

DATI LEGALI:

Aspetta! Devi confermare che stai rinunciando per sempre alla possibilità di investire sul bundle di 3 corsi Turbo Learning a soli 97€ (invece che al prezzo di listino di 134€)

Sei consapevole che è la tua unica possibilità di acquistare su Turbo Learning al prezzo speciale di 97€. Sei anche consapevole che una volta superata questa pagina, se vorrai acquistare Turbo Learning, potrai farlo solo pagando il prezzo di listino di 134€.

Sei inoltre consapevole che, non investendo su Turbo Learning, stai rinunciando alla possibilità di: